Incremento del quadro economico opera pubblica per variante e maggiorazione incentivi tecnici

Autore:

L’incremento dell’importo a base di gara, a seguito di variante autorizzata dal RUP al fine di poter concorrere ad un incremento correlato anche degli incentivi tecnici impone un obbligo di motivazione rafforzata che dia conto della finalizzazione all’interesse pubblico. Sono queste le indicazioni della Corte dei conti della Lombardia (deliberazione n.64/2022).

La domanda

Il Presidente di una Provincia ha chiesto ai magistrati contabili se, nelle ipotesi previste dall’articolo 106 del Codice dei contratti pubblici per varianti dei contratti di appalto, autorizzate dal RUP, che comportino maggiori opere o lavori e un incremento dell’importo a base di gara possa essere considerato legittimo procedere alla liquidazione degli incentivi relativi all’incremento dell’importo a base di gara a seguito di approvazione di perizia di variante con i seguenti criteri:

a) Il fondo è riferito al nuovo importo lordo a base di gara;

b) l’incremento del Fondo deve corrispondere all’incremento dell’importo a base di gara sul quale è stata inizialmente calcolata la percentuale;

c) il Fondo così ricalcolato deve rispettare comunque il limite massimo del 2% del nuovo importo lordo a base di gara di cui all’art.113 comma 2 del Codice dei contratti.

CONTINUA A LEGGERE….

 

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Vuoi accedere ai contenuti di Appalti&Contratti senza attivare un abbonamento?

Acquista la nostra A&C Card per avere 3 mesi di accesso ai contenuti di Appalti&Contratti.it

Approfitta dell’offerta lancio a soli 90 Euro invece di 150 Euro!

VAI ALLO SHOP MAGGIOLI EDITORE

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.