L’esecuzione in via d’urgenza “emergenziale” richiede sempre l’aggiudicazione non efficace dell’appalto

Autore:

La recente sentenza del TAR Campania, n. 3648/2022 (Sez. I, Napoli), affronta la questione della corretta consegna/esecuzione in via d’urgenza del contratto da parte della stazione appaltante.

Con i motivi aggiunti, dopo aver contestato l’aggiudicazione e ogni atto della procedura (tutti respinti) la ricorrente contestava anche la scorretta applicazione della fattispecie della c.d. esecuzione in via d’urgenza “emergenziale” prevista dall’art. 8, comma 1, lett. a) del DL 76/2020 ed utilizzabile – dopo le modifiche apportate dal DL 77/2021, art. 51 -, per determina a contrarre/atto di avvio del procedimento entro il 30 giugno 2023.

Il comma citato prevede che “è sempre autorizzata la consegna dei lavori in via di urgenza e, nel caso di servizi e forniture, l’esecuzione del contratto in via d’urgenza ai sensi (…)  nelle more della verifica dei requisiti di cui all’art. 80 del medesimo decreto legislativo,  nonché  dei requisiti di  qualificazione  previsti  per  la  partecipazione  alla procedura”.

Secondo il ricorrente la stazione appaltante avrebbe “effettuato la consegna dei lavori sotto riserva di stipula del contratto senza aver preventivamente effettuato la verifica in capo all’aggiudicataria dei requisiti generali e speciali previsti per l’ammissione alla gara e senza aver preventivamente adottato la determina di aggiudicazione definitiva della gara”.

CONTINUA A LEGGERE….

 

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Vuoi accedere ai contenuti di Appalti&Contratti senza attivare un abbonamento?

Acquista la nostra A&C Card per avere 3 mesi di accesso ai contenuti di Appalti&Contratti.it

Approfitta dell’offerta lancio a soli 90 Euro invece di 150 Euro!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.