Obbligatorio anche se non vincolante il parere dei revisori dei conti nel conferimento di incarichi esterni

Autore:

A seguito dei verifiche sull’affidamento di incarichi esterni è emerso che un ente di grandi dimensioni non ha preventivamente richiesto il parere obbligatorio, anche se non vincolante, del collegio dei revisori dei conti.

La Corte dei conti dell’Emilia-Romagna (deliberazione n.69/2022) oltre a confutare le controdeduzioni dell’ente indica le conseguenze previste dal legislatore in mancanza del parer dei revisori.

Le disposizioni normative

L’art. 1, comma 42, della legge n. 311/2004 che la Sezione Autonomie con deliberazione n. 4/2006 aveva ritenuto implicitamente abrogata dalla legge finanziaria del 2006 è stata, successivamente dalla giurisprudenza contabile chiarito la  sua perdurante vigenza (Sezione regionale contr. Emilia-Romagna, delib. n. 95/2017; Sez. regionale contr. Toscana, deliberazione n. 6/2020), ha previsto che gli enti locali con popolazione superiore ai 5.000 abitanti, il provvedimento con cui è conferito l’incarico di studio, ricerca, consulenza deve essere corredato del parere obbligatorio (ma non vincolante) dell’organo di revisione economico – finanziaria dell’ente.

CONTINUA A LEGGERE….

 

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Vuoi accedere ai contenuti di Appalti&Contratti senza attivare un abbonamento?

Acquista la nostra A&C Card per avere 3 mesi di accesso ai contenuti di Appalti&Contratti.it

Approfitta dell’offerta lancio a soli 90 Euro invece di 150 Euro!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.