Affidamenti dei servizi sociali nel nuovo vademecum dell’ANCI e del Ministero del Lavoro

Autore:

Il recente vademecum intitolato Affidamento servizi sociali nel dialogo fra Codice Appalti e Codice Terzo Settore” elaborato, tra gli altri, dal Ministero del Lavoro e dall’ANCI risulta di sicuro interesse come guida ai RUP sugli appalti in parola e sui rapporti rispetto al codice del terzo settore.

Può essere interessante una analisi su alcuni aspetti.

Le opzioni di prosecuzione del contratto

Una delle prime questioni affrontate nella guida è quella delle opzioni contrattuali. Nelle schede si legge che le opzioni si sostanziano:
1) nella ripetizione dei servizi analoghi;
2) nei servizi c.d. “complementari” (art. 63 CCP), il cui affidamento è una facoltà per le SA;
3) nella previsione della facoltà dell’affidamento dei servizi c.d. supplementari (art. 106, c. 1, lett. b), nel rispetto di quanto previsto dal medesimo l’art. 106 sulle “modifiche contrattuali”;
4) nella c.d. “proroga tecnica” (art. 106, c. 11);
5) nel c.d. “quinto d’obbligo” (art. 106, c. 12).
Nel dettaglio si precisa che la proroga tecnica – che oggi come visto ha una sua precisa disciplina nel codice dei contratti (art. 106 c. 11) ha come presupposto legittimane l’esistenza del contratto (in cui deve essere stata prevista).

CONTINUA A LEGGERE….

 

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Vuoi accedere ai contenuti di Appalti&Contratti senza attivare un abbonamento?

Acquista la nostra A&C Card per avere 3 mesi di accesso ai contenuti di Appalti&Contratti.it

Approfitta dell’offerta lancio a soli 90 Euro invece di 150 Euro!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.