Dalla complessità alla flessibilità: come l’abolizione delle categorie SIOS e QO può cambiare il procurement pubblico

Autore:

Siamo consapevoli che il tema dell’abrogazione della distinzione di qualifiche SOA in SIOS (Strutture, Impianti e Opere Speciali) e a QO (Qualificazione Obbligatoria), nel settore del procurement pubblico è complesso e oggetto di ampi dibattiti.

Tuttavia, desideriamo offrire alcune riflessioni pratiche che rappresentano un punto di vista minoritario, ma che riteniamo possa contribuire in modo significativo alla comprensione delle dinamiche delle gare d’appalto pubbliche.

In un quadro invariato tra vecchio e nuovo codice avviene che nelle gare d’appalto di lavori di importo superiore a 150.000 euro di importo, è richiesto che i partecipanti dimostrino di possedere una specifica qualificazione in base alle categorie e classi SOA. Tali qualificazioni possono essere dimostrate dal partecipante in diversa maniera.

CONTINUA A LEGGERE….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *