Bozza del nuovo codice appalti: tempi e modalità per la sottoscrizione del contratto

Autore:

Dalla bozza di nuovo codice dei contratti pubblici era doveroso aspettarsi di più e di meglio ai fini della disciplina di modi e tempi per stipulate i contratti.

Allo scopo di risolvere alcuni problemi interpretativi, posti dalla prassi e da una giurisprudenza non sempre condivisibile, era necessario affrontare molto più analiticamente la norma, attualmente contenuta nell’articolo 18 della bozza, e provare anche a spingersi verso la modernità.

Il comma 1 dell’articolo 18 è dedicato a modi e forme di sottoscrizione.

La formulazione della norma è la seguente: “Il contratto è stipulato, a pena di nullità, in forma scritta ai sensi dell’allegato I, articolo 3, lettera a-bis), con atto pubblico notarile informatico, ovvero, in modalità elettronica secondo le norme vigenti per ciascuna stazione appaltante, in forma pubblica amministrativa a cura dell’Ufficiale rogante della stazione appaltante o mediante scrittura privata; in caso di procedura negoziata ovvero per gli affidamenti diretti mediante corrispondenza secondo l’uso del commercio consistente in un apposito scambio di lettere, anche tramite posta elettronica certificata o strumenti analoghi negli altri Stati membri. I capitolati e il computo metrico estimativo, richiamati nel bando o nell’invito, fanno parte integrante del contratto”.

Poche righe contengono una serie di precetti e concetti molto rilevanti, che è il caso di analizzare, disaggregando i contenuti.

CONTINUA A LEGGERE….

 

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *