La programmazione delle forniture al di là dei formalismi

Autore:

La deliberazione ANAC 29 novembre 2023. n. 562 evidenzia in modo netto che la programmazione delle forniture, ma più in generale delle acquisizioni, non può essere vista come un semplice adempimento formale.

L’assenza o la simulazione della programmazione porta necessariamente ad una serie di violazioni e, comunque, ad una mala gestio, influente in modo particolarmente negativo sulla concorrenza e, in ultima analisi, sull’efficiente spesa pubblica.

Quanto specifica l’ANAC è particolarmente interessante, perché riferito ad un’Asl e, in particolare, alle forniture ricorrenti di beni: questione che non riguarda certo le sole aziende sanitarie, ma investe direttamente anche gli enti locali.

Acquisti ricorrenti si riscontrano in moltissimi servizi: le manutenzioni e gli arredi scolastici, gli approvvigionamenti di materiali per le manutenzioni, i bitumi, la cancelleria e così via.

CONTINUA A LEGGERE….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *