Concordato con continuità aziendale quale causa di esclusione in una procedura di affidamento pubblico

A cura di Silvana Siddi

6 Giugno 2024
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%

Ai fini della partecipazione alle procedure di affidamento di pubbliche commesse, l’impresa che si trovi in concordato preventivo con continuità aziendale, necessita di autorizzazione del giudice per tutto il periodo compreso tra la presentazione della domanda di accesso al concordato e fino all’omologazione del concordato medesimo, ma non successivamente all’intervenuta omologa: dopo di essa infatti, salvo che non intervengano la risoluzione o l’annullamento del concordato, viene meno l’esigenza dell’autorizzazione al compimento di atti di straordinaria amministrazione, così come non occorre che la partecipazione sia accompagnata dal deposito della relazione di un professionista indipendente attestante la capacità dell’impresa di adempiere il contratto.

CONTINUA A LEGGERE….

Silvana Siddi

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento