Il consorzio di cooperative può avere anche natura di consorzio stabile

A cura di Vincenzo Laudani

31 Maggio 2024
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%

I consorzi di cooperative possono spendere, quali requisiti di partecipazione ai fini delle procedure di gara, quelli posseduti dalle proprie consorziate esecutrici senza alcun bisogno di ricorrere a tal fine all’istituto dell’avvalimento.

Non hanno rilievo in senso contrario i limiti al cumulo alla rinfusa e l’impossibilità di una sua applicazione estensiva anche ai consorzi di cooperative, atteso che tale istituto riguarda unicamente i requisiti posseduti dalle consorziate non esecutrici e non anche quelli posseduti dalle consorziate esecutrici.

Ma, e ben di più, va rilevato che la natura di consorzio di cooperative non esclude la natura di consorzio stabile: possono, infatti, entrambe coesistere se il primo presenta tutte le caratteristiche tipiche del secondo, dovendo effettuarsi una valutazione a tal fine non formale ma sostanziale.
Pertanto, è irrilevante la nullità di contratti di avvalimento stipulati tra le consorziate esecutrici e il consorzio di cooperative (così come è, in ogni caso, irrilevante la nullità dei contratti di avvalimento laddove comunque il concorrente possieda in proprio i requisiti di partecipazione richiesti dalla lex specialis).

Lo afferma il Consiglio di Stato con sentenza 28.5.2024 n. 4761

LEGI QUI IL TESTO COMPLETO DELL’ARTICOLO

Vincenzo Laudani

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento