Laboratorio operativo online sulla gestione degli appalti nelle società pubbliche – settori speciali – dopo il nuovo Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. n. 36/2023)

Corso on line in diretta a cura di Alessandro Massari

4 Aprile 2024
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%

Guida alla redazione dei principali atti e provvedimenti: regolamenti interni, affidamenti diretti, procedure in deroga, modifiche e varianti dei contratti

 Giovedì 11 aprile 2024 (prima unità didattica), martedì 16 aprile 2024 (seconda unità didattica), martedì 23 aprile 2024 (terza unità didattica)
 ore 9.00 – 13.00

ISCRIVITI

Indice

Presentazione

Il Laboratorio trasferisce alle società pubbliche operanti nei settori speciali gli strumenti giuridico-operativi per l’ottimale gestione degli appalti, in tutte le fasi dell’iter realizzativo del contratto, coniugando efficienza, tempestività e semplificazione con la necessaria trasparenza e correttezza delle procedure.
Saranno evidenziate le peculiarità previste dal nuovo Codice per le società partecipate operanti nei settori speciali rispetto alle Pubbliche Amministrazioni ordinarie, insieme agli accorgimenti da implementare negli atti per consentire la massima efficienza e tutelare la società in conformità al diritto “scritto” e a quello “vivente”, della giurisprudenza e della prassi.
Dopo la propedeutica illustrazione del quadro normativo e giurisprudenziale di riferimento, il Laboratorio focalizzerà l’analisi sui principali atti per la gestione del ciclo dell’appalto: dalla programmazione al collaudo, con particolare riguardo agli appalti di servizi e forniture e all’affidamento di incarichi intellettuali. L’esposizione degli atti sarà condotta con il massimo coinvolgimento dei partecipanti, al fine di consentire la personalizzazione dei seguenti schemi alle specificità di ogni società:
–        regolamento interno sulle procedure di affidamento;
–        provvedimento di nomina del Responsabile Unico di Progetto e dei Responsabili di fase;
–        determina/delibera di affidamento diretto e schema di contratto;
–        decisione di contrarre per l’avvio della gara;
–        determina/delibera di affidamento diretto per unicità/infungibilità/esclusività;
–        schema di accordo quadro e dei contratti applicativi;
–        prestazioni supplementari;
–        modifiche ai contratti;
–        proroga dei contratti.

Qualificazione stazioni appaltanti

Il corso è valido ai fini del percorso di qualificazione delle stazioni appaltanti (categoria livello base).

Programma

Giovedì 11 aprile 2024, ore 9.00 – 13.00 (prima unità didattica)
 
Capire il quadro normativo da applicare
• Le linee portanti del nuovo Codice e le principali innovazioni per i settori speciali.
• Le imprese pubbliche e gli organismi di diritto pubblico nei settori speciali: il diverso regime normativo.
• I nuovi principi del Codice.
• Le norme extra codicem applicabili alle società (spending review, trasparenza, ecc.).
• Le norme speciali per i contratti PNRR e PNC.
 
La digitalizzazione del ciclo di vita dei contratti pubblici: le principali novità
• La digitalizzazione e l’applicazione delle relative norme ai settori speciali.
• L’obbligo di ricorso alle piattaforme di approvvigionamento digitale.
• Gli obblighi di trasparenza.
• La pubblicità dei bandi e degli avvisi.
• L’accesso agli atti.
 
I soggetti coinvolti nel ciclo dell’appalto
• Il nuovo “Responsabile Unico di Progetto”: il quadro normativo tra Codice e allegati.
• Le peculiarità dei settori speciali e delle stazioni appaltanti che non sono Pubbliche Amministrazioni.
• La nomina del RUP e dei Responsabili di fase.
• Analisi del provvedimento di nomina del RUP e dei Responsabili di fase.
• Le competenze del RUP e dei Responsabili di fase: questioni aperte e possibili criticità.
• L’organizzazione dei Responsabili del procedimento o delle fasi del procedimento.
• Il supporto al RUP (generale o specifico; interno o esterno).
• I soggetti nella fase di esecuzione.
 
Aggiornare il regolamento interno al nuovo Codice
• Le linee guida per aggiornare e ottimizzare il regolamento interno: la massima semplificazione possibile nel sotto-soglia.
• Le imprese pubbliche: la maggiore autonomia e il rispetto dei principi del Trattato.
• Analisi di uno schema di regolamento interno.

 
 
 
Martedì 16 aprile 2024, ore 9.00 – 13.00 (seconda unità didattica)
 
Preparare e affidare gli appalti in relazione all’importo del contratto
• Il quadro normativo a geometria variabile delle procedure applicabili.
• La preparazione dell’appalto: l’ottimale elaborazione del capitolato e degli atti di gara.
• Il CCNL e il costo della manodopera, tra nuovo Codice e prima giurisprudenza.
• La clausola obbligatoria di revisione dei prezzi.
• La clausola di rinegoziazione.
• La clausola sociale.
• Le clausole obbligatorie per gli appalti PNRR-PNC.
 
Come affidare direttamente l’appalto dopo il nuovo Codice
• Gli affidamenti diretti infra 150.000/140.000 euro.
• L’affidamento diretto “puro”: come motivare la scelta del contraente.
• L’affidamento diretto “mediato” previa consultazione di operatori economici.
• Analisi di uno schema di determina/delibera di affidamento diretto.
• L’affidamento dei servizi tecnici e intellettuali.
• L’affidamento diretto per unicità/infungibilità/esclusività: il percorso ottimale per garantire trasparenza ed efficienza; come accertare e motivare adeguatamente l’unicità.
• Le prestazioni complementari e supplementari: il percorso giuridico e la motivazione.
 
Gli elenchi aperti e i sistemi di qualificazione degli operatori economici
• La costituzione e l’aggiornamento degli elenchi aperti quali strumenti di semplificazione.
• Il principio di rotazione nell’elenco aperto o sistema di qualificazione.
 
Come affidare l’appalto con procedure concorrenziali
• La decisione di contrarre per l’avvio della gara: esame di uno schema di decisione di contrarre.
• La procedura negoziata sotto soglia:
–        l’avviso di avvio della procedura;
–        la lettera di invito/RdO;
–        lo schema di contratto.
 
La nuova commissione di gara
• Le profonde innovazioni sulla commissione di gara introdotte dal nuovo Codice.
• Le peculiarità per i settori speciali.
• La composizione interna e l’eccezionalità dei membri esterni.
• Il RUP membro della commissione giudicatrice.
• Il superamento dell’incompatibilità endoprocedimentale.
• La nomina dei supplenti.
• Il seggio di gara e la commissione amministrativa.
• Come nominare correttamente la commissione giudicatrice: esame di uno schema di atto di nomina.
 
 
Martedì 23 aprile 2024, ore 9.00 – 13.00 (terza unità didattica)
 
La procedura sopra soglia
• Le novità principali (requisiti generali e speciali, criteri di aggiudicazione, ecc.).
• Le peculiarità delle procedure indette dai settori speciali; le deroghe per le imprese pubbliche.
• Il nuovo bando-tipo ANAC n. 1/2023: le principali innovazioni e la sua applicazione nei settori speciali.
 
Come gestire le esigenze ripetitive e ricorrenti con la massima efficienza e semplificazione
• L’accordo quadro e i suoi benefici rispetto alla reiterazione degli affidamenti diretti.
• L’accordo quadro mono-operatore e la stabilità dei rapporti contrattuali con la stessa ditta.
• L’accordo quadro multi-operatore e la “squadra” dei migliori operatori economici pronti ad intervenire su richiesta della società.
• Lo schema di accordo quadro e i contratti applicativi.
 
Come gestire i contratti stipulati nella fase di esecuzione
• Le modifiche ai contratti: le disposizioni del nuovo Codice e le peculiarità per i settori speciali.
• Le modifiche programmate e non programmate.
• La rinegoziazione programmata e non programmata.
• Il “nuovo” quinto d’obbligo: come si applica.
• Le varianti.
• Le modifiche minori.
• Le prestazioni supplementari: la motivazione adeguata per il loro affidamento.
• Il rinnovo del contratto.
• L’opzione di proroga del contratto: la disciplina del nuovo Codice.
• La proroga tecnica non prevista ab origine.
• La ripetizione di servizi o lavori analoghi.

Redazione