Provincia di Bolzano, partenariato pubblico-privato: si o no?

La giunta provinciale avrebbe detto “no” all’avvio del partenariato pubblico-privato per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico extraurbano

16 Febbraio 2017
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%

La giunta provinciale avrebbe detto “no” all’avvio del partenariato pubblico-privato per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico extraurbano

Nei giorni scorsi è stata diffusa la notizia che la giunta avrebbe detto “no” all’avvio del partenariato pubblico-privato per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico extraurbano.

I motivi sarebbero di natura sia giuridica che tecnica, anche se in realtà gli organi di informazione non hanno fornito dettagli al riguardo.

Per quanto attiene agli aspetti giuridici, è sicuramente da immaginare la presenza di motivi ostativi nella nuova disciplina del partenariato e, in generale, delle concessioni che richiede che vi sia una forte sostenibilità dell’affidamento mediante autofinanziamento (cioè attraverso la riscossione delle tariffe o proventi o canoni); infatti, nel settore delle opere pubbliche, è ora possibile ricorrere alle concessioni ed al partenariato solo per quelle “calde” che assicurano una sostenibilità assai ampia in termini di auto-finanziamento.

I motivi politici, ovviamente, non ci interessano direttamente ma questi sono collegati all’inadeguatezza del modello del partenariato rispetto a quello “in house” che, alla fine, è stato preferito (evidentemente il modello in house perché consente una maggior flessibilità di porre obiettivi nuovi da conseguire, mentre il PPP, attenendo pur sempre ad una concessione, richiede ogni volta delle rinegoziazioni che possono tradursi in rallentamenti e maggiori oneri per le finanze pubbliche.

Di recente, è stato eclatante anche il ripensamento, della vicina provincia di Trento, sulla realizzazione del nuovo ospedale: si deciso, infatti, di abbandonare l’affidamento mediante finanza di progetto, ritenuta troppo onerosa sotto il profilo finanziario, a favore dell’appalto tradizionale.

Da qui la riflessione che è molto emblematica e tocca, più in generale, il tema della convenienza e praticabilità del partenariato per la realizzazione di investimenti e per l’affidamento di servizi pubblici.

Prontuario per la vigilanza edilizia

Il Prontuario si caratterizza come strumento agile e pratico, ricco di schede e tabelle riassuntive, con innumerevoli indicazioni procedurali e puntuali richiami alla normativa vigente e alla più recente e significativa giurisprudenza.Questa nona edizione è stata interamente riveduta e aggiornata in tutti i suoi riferimenti normativi e giurisprudenziali, da ultimo con riguardo alle novità introdotte dal cosiddetto Decreto Semplificazioni, ossia il decreto-legge 76/2020, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 settembre 2020, n. 120, che ha apportato importanti novità, tra cui quelle in materia di ristrutturazioni, manutenzione straordinaria ed attività edilizia libera.Il testo offre, pertanto, un quadro completo e aggiornato degli interventi edilizi e dei relativi titoli abilitativi, oltre a tutte le indicazioni operative per lo svolgimento delle attività di controllo, di accertamento e di polizia giudiziaria.Stefano MainiAvvocato, addetto presso l’Avvocatura civica del Comune di Modena e docente per diversi organismi di formazione.

Stefano Maini | 2020 Maggioli Editore

Redazione

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento