La modifica sostanziale della concessione e la competenza dei dirigenti degli enti locali

Vincenzo Laudani 11 Luglio 2024
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%

In presenza di una modifica sostanziale apportata al contratto, vietata dalla normativa interna e dalle direttive europee, l’ente concedente è tenuto a disporre la cessazione della concessione nella parte in cui abbia realizzato tale modifica. Tale atto di cessazione parziale può essere adottato dalla dirigenza, trattandosi di atto di gestione e non di atto di indirizzo politico-amministrativo.

Lo afferma il TAR Salerno (TAR Campania, Salerno, sez. I, 8.7.2024 n. 1444)

CONTINUA A LEGGERE….

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento