Costo della manodopera

Feb 12 2024

Contratti pubblici - Costo della manodopera - Art. 41, c.14, dlgs. 36/2023 - Interpretazione – Tale previsione normativa vieta che i costi della manodopera, pur rientrando nel più generale “importo posto a base di asta”, siano inclusi nel cd. importo assoggettato al ribasso ovvero nell’importo sul quale dovrà essere applicato il ribasso percentuale offerto dal concorrente - Finalità - Non sottostimare le retribuzioni da erogare ai lavoratori “applicati” nell’esecuzione delle commesse pubbliche - Possibilità di esporre costo della manodopera interiore da parte del concorrente - A condizione che risulti coerente con una “più efficiente organizzazione aziendale” che l’operatore dovrà dimostrare in sede di verifica dell’anomalia, doverosamente promossa dalla stazione appaltante

Gen 31 2024

Contratti pubblici di lavori e servizi - Procedura aperta secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa - Costi della manodopera - Sono assoggettabili a ribasso - E’ quanto prevede l’art. 41, comma 14, del d.lgs. 31 marzo 2023, n. 36 seguendo un’interpretazione sistematica delle norme dello stesso d.lgs. 36 del 2023- Se, infatti, il legislatore avesse voluto considerare tali costi fissi e invariabili, non avrebbe avuto senso richiedere ai concorrenti di indicarne la misura nell’offerta economica (articolo 108, comma 9 del d.lgs. 36 del 2023), né avrebbe avuto senso includere anche i costi della manodopera tra gli elementi che possono concorrere a determinare l’anomalia dell’offerta (articolo 110, comma 1 del d.lgs. 36 del 2023) - Conseguenza per l’operatore economico che applichi il ribasso anche ai costi della manodopera - Assoggettamento della sua offerta alla verifica dell’anomalia